Dragonball - La storia di Dragon Ball - Capitolo 8


| Dragon Ball | Dragonball Z | Dragonball GT | Aggiungi ai Preferiti | Policy Privacy |



Torna alla home di Dragonballz
Goku nella sua versione Anime

 

Storia Dragonball - 8




8- Il perfido Pilaf ed il suo castello

- Capitolo 8: Avventura nel castello di Pilaf -

Il viaggio riprende sempre alla ricerca delle sfere del drago mancanti. Durante il tragitto, però, i nostri giovani eroi vengono attaccati all'improvviso da un gigantesco e minaccioso robot comandato da un uomo cane vestito da ninja di nome Soba.

Si scopre che Soba altri non è che uno dei due scagnozzi di un perfido essere che si fa chiamare Pilaf il quale è anch'egli a conoscenza dell'esistenza delle sette sfere del drago della leggenda e dei loro straordinari e mistici poteri. Pare che Pilaf, un ometto basso, con le orecchie a punta, dalla pelle bluastra e con un buffo cappello in testa, sia in possesso anch'egli di un radar cerca sfere se pur di forma più rudimentale dal momento che è molto più grande ed ingombrante rispetto a quello di Bulma con il quale intende collezionare tutte e sette le sfere del drago con il preciso scopo di chiedere al Drago Shen Rong di diventare il padrone assoluto di tutta quanta la Terra. Soba fa un attacco a sorepresa ai tre avventurieri e riesce a sottrare loro le sfere del drago così faticosamente guadagnate sino a quel momento. il robt scappa via nel nulla prima che i tre potessero fare qualcosa. Bulma, però, non demorde e manda Son Goku alla ricerca del robot e del suo relativo pilota. Il bambino si lancia velocissimo all'inseguimento, ma riesce solo a trovare il robot. Pare, di fatti, che ls sfere siano state portate via da qualche altra parte. La bella, ma intelligente Bulma, ha una ulteriore idea per localizzare le sfere mancanti e cioè usare il radar cerca sfere. Poiché il loro veicolo era andato irrimediabilmente distrutto, i tre chiedono un passaggio a Yamcha e a Pual che li stavano seguendo a debita distanza. I due decideranno, quindi, di fare gruppo assieme a loro per partire, quindi, verso una nuova emozionante avventura. Bulma è molto tranquilla perché il drago Shen Rong non può essere evocato sino a che non si possiedono tutte e sette le sfere del drago. In quel momento, di fatti, Pilaf possiede solo sei sfere del drago dal momento che la sfera con le quattro stelline l'aveva sempre tenuta con se' Son Goku il quale la custodisce sempre molto gelosamente visto e considerato che era il regalo del suo adorato nonnino. I cinque eroi, seguendo la pista indicata dal radar cerca sfere non ci mettono molto prima di arrivare al luogo dove tutte le altre sfere del drago sono custodite, ovvero il Castello di Pilaf. Il gruppo si intrufola, così, all'interno del castello il quale, però, è disseminato di numerose trappole tra le quali anche una sfera gigante che gira indisturbata per tutti i corridoi del castello pronta a schiacciare chiunque osi entrare all'interno della costruzione.


Purtroppo i nostri eroi dovranno affrontare numerose difficoltà dalle quale riusciranno ad uscirne vivi a mala pena. Pilaf non sapendo chi tra loro può essere in possesso dell'ultima sfera che gli rimaneva per evocare il potente Drago Shen Rong, decide di catturare la bella Bulma e portarla nelle sue stanze private. Il perfido essere decide, quindi, di impedirle di muoversi e di convincerla a sputare il rospo. Bulma, ovviamente, non vuole parlare e così Pilaf, in preda alla rabbia, decide di passare alle maniere pesanti e così inizia a torturarla con delle advance pensando che così la ragazza si sarebbe inchinata ai suoi piedi. Pilaf incomincia a baciarla, ma Bulma anziché rimanere estasiata da ciò è disgustata oltre ogni limita e lo manda letteralmente a quel paese. Pilaf capisce che non c'è modo alcuno di stroncare la volontà della ragazza e così decide di lasciarla perdere. Se non sa dove si trova la sfera del drago non dovrà fare altro che cercarla in tutti quanti i presenti. Per fare tutto questo, ben consapevole della forza di Yamcha e di Son Goku, Pilaf decide di imprigionare i nostri eroi e di spruzzare su di loro un gas soporifero che finisce inevitabilmente di farli addormentare. Approfittando del momento favorevole, il malvagio Pilaf si avventa immediatamente sui giovani ed in poco tempo riesce a ritrovare la famigerata sfera del drago con quattro stelline. Se ne appropria subito e poi si dirige fuori con tutto il malloppo lasciando i ragazzi intrappolati nel castello. Giunto nel deserto intorno al suo maniero, Pilaf alza le mani al cielo ed evoca il potente Drago Shen Rong. Le nuvole iniziano a formarsi nel cielo che si oscura fino a diventare più nero della pece.


Tra tuoni e fulmini inizia ad apparire il potente Drago Shen Rong. Nel frattempo i nostri eroi si sono risvegliati dal torpore e vogliono assolutamente fermare quel folle di nome Pilaf, ma non sanno assolutamente come fare dal momento che sono intrappolati fra le spesse mura del castello. Son Goku tenta con la forza di abbattere il muro, ma non ci riesce e così decide di usare ancora una volta la potente Onda Energetica - Kame Hame Ha. Purtroppo l'onda non è grande come quella del genio delle tartarughe di mare Muten anche perché Son Goku, tra le altre cose, è stanco morto e le sue energie sono davvero al limite. Nonostante tutto questo il piccolo riesce a creare una fessura nel muro. In questo modo sia Pual che Olong, trasformati in piccoli volatili, possono, così, uscire fuori dal castello per fermare i folli piani di Pilaf. I due giungono in presenza del potente Drago Shen Rong proprio nel momento stesso in cui il perfido Pilaf sta per esaudire il suo desiderio. Pual sta per esprimere il suo desiderio precedendo, così, Pilaf, ma a sua volta viene preceduto dallo stesso Olong il quale, senza nemmeno pensarci ordina al Drago Shen Rong di fare apparire un bellissimo paio di mutandine da donna. Il Drago Shen Rong senza esitare nemmeno un istante, esaudisce il desiderio estremamente futile di Olong e poi dice di andarsene. La possente creatura scompare nel nulla, le sette sfere del drago si innalzano rapide nel cielo e poi all'improvviso schizzano via per i quattro angoli del pianeta. Pilaf è assolutamente furibondo... non riesce a credere che tutti i suoi sforzi si siano rivelati vani a causa di uno stupido maialino e così decide di prendersi la sua vendetta sul nostro gruppo di eroi.


Il perfido Pilaf rinchiude tutti quanti in una ulteriore stanza, stavolta costruita completamente con il vetro. Pilaf dice loro che nel momento stesso in cui sorgerà il sole ardente del deserto, all'interno della stanza di vetro la temperatura si innalzerà talmente tanto che li avrebbe uccisi tutti quanti. Durante il corso della notte, durante la quale i nostri eroi non sanno assolutamente cosa fare, attendendo, così, la loro fine, i ragazzi si accorgono che in cielo c'è la luna piena. Bulma rammenta bene la storia del mostro che aveva ucciso il nonno di Son Goku, Son Gohan, mentre c'era la luna piena e, pensando che quel mostro fosse proprio Son Goku, fa in modo che il bambino non veda assolutamente la luna. Purtroppo, però, coincidenza vuole che il piccolo Son Goku veda lo stesso la luna piena. Nel momento stesso in cui la vede, il corpo di Son Goku inizia ad avere delle strane reazioni... il suo cuore batte molto forte e i muscoli si contraggono. Piano piano la corporatura del bambino si fa sempre più grossa e muscolosa e... pelosa! Son Goku si sta trasformando in un enorme scimmione! Ovviamente dal momento che la stanza era molto piccola, lo scimmione finisce irrimediabilmente per distruggerla. Una volta libero, Son Goku in versione scimmione inizia a distruggere tutto quanto il maniero di Pilaf. I nostri eroi sono salvi e liberi anche loro, ma il pericolo non è finito dal momento che lo scimmione, in preda all'ira e assolutamente non cosciente, potrebbe benissimo uccidere pure loro.

I nostri eroi non sanno cosa fare, ma all'improvviso a Yamcha viene in mente la scena di Son Goku con Chi Chi quando Son Goku diceva alla bambina che quando gli si toccava la coda lui diventava incredibilmente debole. Yamcha, così, chiede a Pual di trasformarsi in una sciabola affilatissima di modo da poter tagliare la coda di quel tremendo scimmione, sicuro che questo avrebbe permesso all'orribile creatura di fermarsi una volta e per tutte. Il piano ha successo e di fatti una volta tolta la coda, Son Goku torna piano piano normale. Si scopre, quindi, che il bambino non può più trasformarsi in uno scimmione senza la sua coda. Son Goku si risveglia dopo poco e quando si rialza in piedi dice di aver problemi seri a camminare perché senza la coda ha perso gran parte del suo equilibrio. Prima di andarsene da quel posto, Son Goku si getta subito sulle macerie di quello che restava del castello di Pilaf per poter recuperare il mitico bastone che si allunga, un altro dei tanti regali di suo nonno.
La prima saga della prima serie di Dragon Ball di Pilaf termina proprio in questo punto.


CAPITOLI - STORIA DRAGON BALL - Prima Serie

1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19 - 20 - 21 - 22 - 23 - 24 - 25 - 26 - 27 - 28 - 29 - 30 - 31 - 32 - 33 - 34 - 35 - 36 - 37 - 38 - 39 - 40 - 41 - 42 - 43 - 44 - 45 - 46 - 47 - 48 - 49 - 50 - 51 - 52 - 53 - 54 - 55 - 56 - 57 - 58 - 59 - 60 - 61 - 62 - 63 - 64 - 65 - 66 - 67 - 68 - 69 - 70 - 71

--> cap 9 - Crilin... amico o rivale?






  Varie relative all'anime piu' amato di sempre  
 
  Sfere del Drago
 
 
 
 
 
 
  Draghi 1 - 2
 
 
 
 







| Policy Disclaimer | Mappa del sito | DB1 DB2 | DBZ1 Z2 Z3 Z4 | DBGT1 GT2 GT3 |
Copyright 2002-2013 Dragonball-Z.IT - Tutti i diritti Riservati